Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Kagan, Elena Kagan

Non potendo sperare in Dick Cheney alla Corte Suprema, la scelta di Barack Obama di nominare Elena Kagan a giudice costituzionale è la migliore possibile sulle cose post 11 settembre. Se ne va il giudice Stevens, che sulle questioni dell’espansione del potere esecutivo e del potere di guerra del presidente era decisamente cauto, e arriva una giurista che da Solicitor General (avvocato dello Stato) ha difeso l’architettura giuridica della guerra al terrorismo e che secondo Glenn Greenwald di Slate, uno dei più feroci accusatori di Bush e Cheney, ha una visione molto simile a quella di Bush e Cheney sul ruolo dell’esecutivo, specie in tempi di guerra

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web