Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Liberté, égalité, contratto in esseré

La comica campagna di coscienza "autorial-fiscale" contro le case editrici del Cav, condotta sul giornale il cui editore, il cui fondatore e le cui principali firme scrivono libri e incassano dalle case editrici del Cav, si arricchisce di un altro elemento mica male: il fomentatore della protesta, il teologo Vito Mancuso, oggi risponde ai suoi critici (quasi tutti big di Repubblica con contratto Mond.). «Cari amici, preferisco la giustizia» è il titolo. Mancuso spiega che «l’autore ha il dovere di chiedersi la correttezza etica della sua editrice e si deve chiedere a quali investimenti contribuisce con il profitto generato dalle vendite delle sue opere» (valesse la reciprocità, cioè se l’editore si chiedesse a quali investimenti contribuisce con gli anticipi accordati agli autori, vivremmo in un paese illiberale – ma provare a spiegarlo a quelli di Rep. è impossibile). Libertà e democrazia. Coscienza e principi prima di tutto, quindi. Prima di tutto tutto, però no. Prima ci sono gli anticipi da riscuotere: «Quando avrò concluso il volume per il quale ho un contratto in essere con la Mondadori – ha concluso il teologo – tirerò le conseguenze di tutto questo ragionamento».

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web