Camillo - Il blog di Christian Rocca

archivio

Gommalacca/17

Sì, d’accordo. Ci sono gli Abba e gli Europe. I Cardigans e i Roxette. Qualcuno magari sa anche che il cantautore indie José González è più svedese che argentino. Ci sono formidabili jazzisti, in Svezia. Il pianista Bobo Stenson, innanzitutto. I suoi dischi in trio non possono mancare in una discoteca degna di questo nome. Anders Jormin, poi. Di professione contrabbassista. C’era anche Esbjörn Svensson, un giovane pianista di gran talento morto in un incidente subacqueo nel 2008. Il suo EST trio era capace di miscelare l’improvvisazione jazz con ambientazioni rock.
Credo però che nessuno abbia mai sentito un rap svedese. Un rap svedese? Sì, un rap svedese. Non riesco a smettere di ascoltarlo, da quando l’ho sentito alla festa elettorale dei Moderaterna, il partito super smart del giovane premier Fredrik Reinfeldt. I ragazzi e le ragazze lo cantavano a squarciagola. Wow. Bello, allegro, coinvolgente. Non ho capito una parola, ovviamente. Era in svedese, ma non poteva essere più patetico di Meno male che Silvio c’è. O politicamente iettatorio come Mi fido di te dell’incolpevole Jovanotti, con quel verso «cosa sei disposto a perdere» e quell’altro «cani randagi, cammelli e re magi» che fotografava il centrosinistra italiano meglio di un’analisi di Stefano Folli. Triste come la Canzone popolare dei tempi di Prodi, poi, sarebbe stato impossibile. Per non parlare di Adelante, Adelante, cantata sul palco da Nando Adornato, Willer Bordon, Augusto Barbera e Peppino Ayala, cioè dall’intero elettorato di Alleanza democratica del 1994.
Alla festa dei moderati svedesi, il problema era capire di che canzone si trattasse. Ho usato Shazam, l’app dell’iPhone che come per magia riconosce i titoli delle canzoni. Niente. Non la conosceva nemmeno Shazam. Ho chiesto alla mia vicina. Che canzone è? Mi ha detto titolo e autori, ma non ho capito. Me li sono fatti scrivere sul bloc notes. Allora: si intitola Flyter, che più o meno vuol dire «funziona bene». Un inno alla libertà, al pensare controcorrente, al sacrificio di chi ci ha preceduto. Gli autori sono Mange Schmidt, Wille Crafoord e Sofia Talvik. La canzone è scaricabile sul sito dei Moderati: www.moderat.se/web/Moderaternas_vallat_Flyter.aspx.
Christian Rocca

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web