Camillo - Il blog di Christian Rocca

archivio

Gommalacca/22

L’indimenticato Pietro Taricone, in una delle sue fulminanti apparizioni televisive del 2000, aveva parodiato una canzone napoletana neomelodica che ai tempi andava molto forte tra la mala. La canzore era Nu latitante di Tommy Riccio.
Non era un rap partenopeo, ma un malinconico inno alla dura, triste e solitaria vita del contumace: «Nu latitante, nun tene cchiù niente, luntano do bene, annascuso da gente / e l’urdemo amico addeventa importante, pe’ fa nu regalo a chi aspetta a papà / Nu latitante è na foglia int’o viento e nun po alluccà / nun po di’ so innocente / telefona a casa per di’ sulamente / dimane è Natale vulesse turna’; La valigia fatta in fretta e il ricordo di un amore che nun po sta ‘nzieme a te / e chill’uocchie de criature nun capevano a ragione, ca partive sulo tu / e stringiste forte forte e po’ nun t’anno visto cchiù; Basta ’na bussata a porta, pe te fa zumpa’ int’o lietto / e nun te fa cchiù durmì, già è difficile ogni notte, a truvà sulu ‘n’ora e pace, ca t’aiuta a nun murì / e si fosse ancora aiere, ca dummeneca a matina, me scetave co’ cafè / e ammuina de criature ca pazziaveno cu me».

La rivista Time ha dedicato un lungo articolo ai narcorrido, alla risposta tex mex agli inni del latitante napoletano. Musica tradizionale e testi approvati dai boss della droga. Una versione ispanica dei gangsta rap dei neri americani. Sono ballate del narcotrafficante suonate con fisarmonica, tuba, chitarra e batteria. Raccontano l’epica di narcos, esaltano l’uso delle armi, celebrano la vita spericolata dei boss in un trionfo di sex, drug & enchilada roll.

I narcos sono gli eroi. Non solo i protagonisti delle canzoni, ma anche gli autori, i produttori e i primi fruitori. I cantanti vanno in giro con le pistole, abbigliati come azzimati cowboy del secolo scorso. Mostrano la faccia cattiva, anche se in 12 sono stati uccisi non si sa se da bande rivali o da critiche musicali particolarmente feroci. La star si chiama El Komander, nome d’arte di Alfredo Rios, 24 anni, messicano. I narcorrido si ascoltano su YouTube e MySpace. Non ci sono dischi, ma una diffusa rete di concerti nei night club dove gli spettatori si vestono da narcos. «Non è soltanto musica – ha scritto Time – è stile di vita».

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web