Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

La notte di Midterm

06.00. I repubblicani conquistano ampiamente la Camera (una sessantina di seggi), guadagnano almeno 6 seggi al Senato (max 8), ma non la maggioranza. Grande vittoria repubblicana anche tra i governatori. Il Grand Old Party ha vinto in tutti gli stati decisivi della mappa elettorale americana: Florida, Ohio, Pennsylvania, Missouri e ha vinto anche in Illinois (seggio di Obama) e Michigan. Nancy Pelosi non sarà più la Speaker della Camera. L’uomo nuovo è John Boehner. Harry Reid resta leader del Senato. L’entusiasmo dei Tea Party è stato decisivo, ma alcuni candidati impresentabili del movimento di protesta sono costati al Partito repubblicano la maggioranza anche al Senato.

05.59. Bocciato il referendum della California per legalizzare la marijuana

05.57. L’ex conduttore Fox News John Kasich (R) è stato eletto governatore dell’Ohio

05.55. In Colorado in vantaggio il candidato repubblicano. Saprebbe il settimo senatore guadagnato dai repubblicani.

05.44 Lincoln Chafee, ex repubblicano, ora indipendente, ma a sinistra dei democratici, è il nuovo governatore del Rhode Island. Il candidato democratico aveva mandato a quel paese Obama

05.42. Obama ha chiamato Bohener per congratularsi. Questa la foto ufficiale:
P110210PS-0568

05.32. Sharron Angle: altra sconfitta, dopo O’Donnell, dei Tea Party. Al Senato ci sarà solo Rand Paul, che però è un libertario classico (e figlio di un libertario che sta alla Camera da parecchio tempo). E, forse, Joe Miller in Alaska. Ma non è ancora detto. Vincono i moderati, come avete letto qui

05.31 Harry Reid ha vinto in Nevada. Resterà leader democratico del Senato. Lo dice FoxNews

05.28. Nate Silver del NYT sostiene che i repubblicani, a fine nottata, potrebbero conquistare tra 54 e 75 seggi democratici alla Camera

05.23. Tra poche ore sul Sole 24 Ore, analisi: ma siamo sicuri che Obama si spsoterà al centro come ai tempi di Clinton? No, non siamo sicuri. C’è il precedente Truman

05.19. A differenza degli eletti di stasera, che entreranno in carica a gennaio, il nuovo senatore dell’Illinois Mark Kirk (R) entrerà al Senato subito perché il senatore Roland Burris si è ritirato

05.16 In tutti gli stati chiave per vincere un’elezione presidenziale: Florida, Ohio, Pennsylvania e Missouri hanno vinto i repubblicani, che hanno vinto anche in Illinois e in Michigan. Alle presidenziali contano le storie dei candidati presidenti, ma si fosse votato oggi per la Casa Bianca sarebbe stato un massacro per i Dems.

05.14. Mark Kirk (R) ha vinto il seggio che fu di Obama in Illinois. Sesto seggio conquistato dai repubblicani all Senato. Keith Olbermann di Msnbc s’è sbagliato e ha detto che era stato vinto dai democratici

05.10. Pat Toomey (R) è il nuovo senatore della Pennsylvania. Quinto seggio conquistato dai repubblicani al Senato.

05.08 Secondo Msnbc i candidati dei Tea Party vittoriosi, tra camera e senato, sono 35. Sono 54 quelli che hanno perso. Un’altra sessantina ancora non si sa. Al Senato hanno fatto perdere due o tre seggi ai repubblicani.

05.07 Carl Paladino s’è portato sul podio la mazza da baseball e ha minacciato Cuomo: o la usi a nome del popolo per fare pulizia ad Albany o questa mazza mazza sarà usata contro di te. E la minaccia (soprattutto per i repubblicani): Caro governatore Cuomo, non hai ancora idea di che cosa è capace Carl Paladino

05.02 Daniel Inoyue confermato senatore democratico delle Hawaii. Reid sembra in netto vantaggio in Nevada. Vantaggio democratico anche nello Stato di Washington. Messi meglio i repubblicani in Illinois e Pennsylvania, In alto mare ancora in Colorado

04.57. Si aspettano ultimi dettagli, ultime senate race, portata della vittoria alla Camera e, soprattutto, le parole di Obama alla conferenza stampa di domani, alle 6 pm italiane

04.55 La botta a Obama è enorme.

04.49 Prime risate alla Msnbc: Barbara Boxer rieletta al Senato in California

04.46. Singhiozza, non riesce ad andare avanti

04.46. Boehner piange alle parole "ho speso tutta la mia vita a inseguire il sogno americano"

04.41. Parla quello abbronzato, come dice Obama: John Boehner (R), il nuovo Speaker della Camera

04.40. Copertina di Time magazine un anno fa:


04.38. Fox News dice che Barbara Boxer è stata rieletta e Carly Fiorina sconfitta. Ufficiale: i democratici mantengono la maggioranza al Senato, comunque vada a finire in Illinois, Pennsylvania, Colorado, Alaska. In California sarà di nuovo governatore Jerry Brown (D). Sconfitta l’ex capa di eBay Meg Whitman, che ha speso 160 milioni di soldi suoi

04.25 Come sempre i sondaggi americani sono stati confermati dal voto reale. Non sbagliano mai.

04.24 I repubblicani vincono anche il governatore della Pennsylvania. L’avevo già scritto? Boh. Detto questo, la vittoria dei repubblicani di questa sera è impressionante soprattutto a livello di governatori

04.23 Parla Carl Paladino, l’impresentabile candidato repubblicano a governatore di New York. E’ l’unico al mondo che legge un discorso sul teleprompter esattamente come avrebbe letto un foglio di carta

04.15. Stanno per arrivare notizie dal Nevada, forse

04.08 Come je rode alla Msnbc. Non fanno battute i vari Olbermann e Maddow. L’unica spiegazione che danno: i repubblicani avevano più soldi. Non è vero, tra l’altro.

04.04 La sconfitta di Russ Feingold (anti Bush, anti guerra in Iraq, anti Patriot Act) in Wisconsin è come la sconfitta di Grassley in Florida: anche alla sinistra di Obama si perde

04.00 Rieletto il senatore democratico dell’Oregon, Rieletto il senatore repubblicano dell’Idaho. Si sapeva più o meno dal secolo scorso.

03.57. Susana Martinez è la nuova Governatrice del New Mexico. Altro gain per i repubblicani tra i governatori

03.49 Anche il vecchio senatore DeMint dice che vorrebbe creare il sottogruppo Tea Party al Senato

03.47 In Ohio l’ex conduttore di FoxNews John Kasich è in vantaggio d’un soffio sul governatore democratico uscente Ted Strickland, star nascente del partito fino all’altro ieri.

03.44. Alla Msnbc sono incazzati neri

03.41 Strana notizia dal Nevada. La Tea party candidate Sharron Angle ha conquistato il 50 per cento dei voti indipendenti, contro il 40 di Reid. Rispetto a Reid, invece, ha tenuto meno i voti del suo partito

03.38. Notizia importante. Russ Feingold (D), senatore di sinistra del Wisconsin, è stato sconfitto da Ron Johnson. Quarto seggio strappato dai repubblicani al Senato.

03.27. Il deputato Barney Frank è stato rieletto alla Camera

03.26. Harry Reid è in vantaggio in Nevada, mentre i seggi senatoriali della Pennsylvania, del Wisconsin e dell’Illinois sono più in bilico di quanto si pensasse. Buone notizie per i democratici

03.24. L’indiana Nikki Haley (R) è la nuova governatrice della South Carolina

03.21. In Colorado i democratici mantengono il governatore. Il candidato repubblicano ha preso solo il 9%. L’ex repubblicano antiimmagrazione Tom Tancredo è arrivato secondo

03.18 Cnn prevede un guadagno di più di 52 seggi per i repubblicani alla Camera

03.13 Al momento i repubblicani hanno strappato 15 seggi ai democratici. I democratici 1 ai repubblicani

03.12 I repubblicani strappano ai democratici anche il governatore del Wisconsin

03.03 I repubblicani strappano ai democratici il governatore del Michigan

03.02. In Iowa e in Pennsylvania i repubblicani conquistano due governatori. In carica c’erano due democratici. Confermato un governatore repubblicano in Wyoming

03.00. John McCain (R) confermato senatore in Arizona, anche Chuck Grassley (R) in Iowa

02.59. Tra un minuto avremo notizie dal Nevada

02.58. Tra due minuti chiudono le urne in altri 5 stati

02.56. Rand Paul ha detto che lavorerà per costituire un sottogruppo Tea Party al Senato. Marco Rubio ha detto che questa non è un successo del GOP, ma una seconda chance

02.54. Roy Blunt (R) nuovo senatore del Missouri

02.53. Deval Patrick (D) confermato governatore in Massachusetts

02.37. FoxNews prevede che i repubblicani strapperanno 60 seggi ai democratici (5 in più di quelli della rivoluzione conservatrice di Gingrich nel 1994)

02.35. Il discorso di Rubio era così noioso che anche FoxNews a un certo punto s’è stufata ed è tornata in studio

02.34. Qualcuno porti i pasticcini alla redazione di America 24

02.32. Marco Rubio sarà bravo, ma il tono della voce è da pischello e la cadenza della sua retorica non è lontanamente paragonabile a quella di Barack Obama

02.30. Parla Marco Rubio, neo senatore della Florida

02.28. Bye Bye Nancy. Tutti i network danno la vittoria ai repubblicani alla Camera. Nancy Pelosi non sarà più la Speaker of the House. Non farà nemmeno la leader dell’opposizione. Lascerà la politica?

02.27 Anche il senatore David Vitter (R) della Luisiana rieletto.

02.25 Il neosenatore della West Virginia – democratico, calabrese e cowboy anti Obama – parla praticamente da repubblicano e annuncia che lavorerà con chi metterà il paese prima di tutto. Non sarà un voto scontato nella colonna D

02.19 I repubblicani eleggono il governatore in Okhlaoma (era democratico), confermano i governatori in South Dakota e Alabama

02.07. Rand Paul (R) parla al pubblico del Kentucky che l’ha eletto. Entusiasmante come una lavatrice Indesit

02.03. Governatori. Andrew Cuomo (D) a New York. Rick Perry (R) in Texas. Sam Brownback (R) in Kansas

02.02 Confermati John Thune (R) in South Dakota senza avversario. Jerry Moran (R) tiene il Kansas. John Hoeven in North Dakota, terzo seggio conquistato dai repubblicano al Senato.

02.01 Gillibrand (D) confermata senatrice di New York. Anche Charles Schumer

02.00 Stanno per chiudere le urne in 14 seggi

01.54. I repubblicani al Senato tengono Georgia, North Carolina. I democratici il Maryland

01.51. La sconfitta di Grayson in Florida è importante. Grayson è il deputato più di sinistra della Camera, quello che ha accusato Obama di essere stato troppo morigerato, specie sulla sanità. Ha perso il seggio, malamante. Contro uno dei Tea Party.

01.46. Richard Shelby (R) confermato senatore dell’Alabama. Straprevisto

01.45. Al momento i repubblicani hanno conquistato 2 seggi al Senato e 6 alla Camera. I democratici solo 1 alla Camera

01.41 Per conquistare il Senato, i repubblicani devono vincere California, Nevada, Colorado, Illinois, North Dakota, Pennsylvania, Washington, Wisconsin

01.39. Il deputato più antipatico della Camera, Alan Grayson della Florida (D), è stato sconfitto di 15 punti da un candidato, ora neodeputato, dei Tea Party

01.34. Joe Manchin (D calabrese) vince in West Virginia. Lo spot anti Obama col fucile ha funzionato. I repubblicani ora devono vincere tutti i toss up e anche la California

01.30. Msnbc assegna il seggio senatoriale dell’Arkansas, casa Clinton, ai repubblicani (a John Boozman) e il Connecticut ai democratici (Blumenthal). Altro seggio strappato ai democratiici. Sono 2. Ne mancano 8 per la maggioranza. Impossibile, direi. In Connecticut è fallita la candidatura della Signora del wrestling

01.27. Exit poll dalla Pennsylvania, il candidato repubblicano Pat Toomey in vantaggio 51 a 49 su Joe Sestak (D)

01.15. Marco Rubio (R) vince in Florida, Chris Coons (D) batte Christine O’Donnell in Delaware. I Tea Party svegli e intelligenti vincono, quelli impresentabili perdono.

00.39. Fox News old style. Lavagnetta con pennarello per spiegare che cosa succederà al Senato

00.34. E’ arrivata la pizza. 14 i seggi conquistati dai repubblicani alla Camera

00.33. Secondo il New York Times, alla Camera sono 11 i seggi che i repubblicani hanno strappato ai democratici. Uno strappato dai democratici ai repubblicani

00.32. Sono due i seggi conquistati dai repubblicani al Senato

00.31 La Cnn non assegna ancora né West Virginia né North Carolina

00.30 Ohio vince Portman (R)

00.28. Arrivate le birre, ma non la pizza. Dubbi su Patricia, che l’ha ordinata

00.18 Un volenteroso redattore di America 24 è sceso a comprare le birre. Nessuna notizia delle pizze, ordinate 29 minuti fa

00.15. Tra 15 minuti chiudono le urne in West Virginia. E’ la prima sfida chiave. Se vince il democratico cowboy, i repubblicani per conquistare il Senato dovranno praticamente vincere tutte le altre in bilico (compresa California)

00.00. Cnn assegna il seggio del Kentucky a Rand Paul e quello dell’Indiana al repubblicano Dan Cots. Il Vermont al democratico Patrick Leahy. Jim De Mint confermato in South Carolina contro l’Alvin Greene che nessuno aveva mai visto. Tutto come previsto. Un seggio, finora, conquistato dai repubblicani

23.59. Il link ad America 24 era sbagliato. Questo è quello giusto. La pizza non è ancora arrivata

23.57. Il guru repubblicano dei sondaggi Frank Luntz sostiene che Harry Reid manterrà il seggio

23.49. La redazione di America 24 sta ordinando la pizza, con fresh mozzarella. Niente birra, solo Pepsi

23.45. Le televisioni americane non sanno che dire. Gran discorsi su Obama in generale e molti "what if" che spiegano con effetti speciali tecnologici quali gare guardare con maggiore attenzione

23.44. Ancora nessuna notizia certa, se non i primissimi dati ancora inferiori all’1 per cento. Drudge assegna già ai repubblicani vari seggi senatoriali al Senato, senza spiegare sulla base di che cosa. Comunque ancora nessuna sorpresa.

23.13. La prima cosa da guardare con attenzione è il voto senatoriale in West Virginia. Se i democratici del governatore cowboy Manchin mantengono il seggio lassù sui monti, i repubblicani dovranno vincere anche la California (difficile) oltre a tutti gli altri stati in bilico per conquistare la maggioranza

23.02. Chiuse le prime urne. Nessun risultato, ancora. Solo exit polls tematici. Fox News scatenata, in studio una specie di supermoviolone alla Biscardi

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web