Camillo - Il blog di Christian Rocca

archivio

Gommalacca/24

Nella triste era del bunga-bunga, Gommalacca prova ad addolcire l’agonia politica segnalando al paese quattro giovani cantautrici brave-brave. La prima si chiama Jessica Lea Mayfield. Di lei già dicono che sia una versione femminile di Neil Young. Due anni fa, la Mayfield era uscita con un bel disco, With Blasphemy So Heartfelt, che aveva fatto molto parlare di sé nei circoli alt rock, anche per la produzione di Dan Auerbach (uno dei due Black Keys). A febbraio uscirà Tell Me, per la Nonesuch. Il singolo Our Hearts Are Wrong si può scaricare dal suo sito. Siamo davvero in zona niliang.

La seconda cantante è Karen Elson, 31enne inglese. Bellezza ossuta&eterea, lontana anni luce dalle bung-bunga girls, Elson era nota per le copertine da top model e per aver sposato Jack White dei White Stripes. Un curriculum molto sospettoso. Ma non è Carla Bruni. Anche se 4 anni fa, in coppia con Cat Power, ha registrato una versione anglais di Je t’aime (moi non plus) di Serge Gainsbourg e Jane Birkin. I love you (me either) è su iTunes. A maggio di quest’anno, Elson ha fatto uscire il suo primo disco, The ghost who walks. E’ uno di quei cd che non stancano. Qualche giorno fa, è comparsa anche una potente cover di Donovan, The Season of the Witch, anno domini 1966.

La voce cremosa di Karen Elson è simile a quella di Jenny Lewis, la terza ragazza di questa rubrica. Sono anni che di Jenny Lewis si dicono meraviglie. Trentaquattro anni, di Las Vegas, da ragazzina faceva l’attrice nelle serie tv americane. Cantante dei Rilo Kiley, Lewis ha debuttato a suo nome nel 2006 con il bellissimo Rabbit Fur Coar, seguito da Acid Tongue (2008). Il nuovo disco, uscito a nome di Jenny and Johnny (con il fidanzato Johnathan Rice), si intitola I’m having fun now ed è una collezione di canzonette in stile radiofonico anni 80.

Non perdetevi nulla di Laura Marling, la quarta ragazza. Inglese, 20 anni, il suo debutto è di due anni fa, quando era ancora minorenne. Quest’anno è uscito I speak because I can. Strepitoso. Di lei si dice sia la nuova Joni Mitchell. Non a torto. Per tenersi in forma, la giovane Laura ha appena pubblicato due cover: Blues Run The Game di Jackson C. Frank e The Needle and the Damage Done di Neil Young. Altro che bunga-bunga.
Christian Rocca

www.camilloblog.it

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web