Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

La bancarotta morale della Realpolitik

Dai nastri Nixon-Kissinger vale la pena estrapolare un passaggio del primo marzo 1973. Il primo ministro di Israele, Golda Meir, è ricevuta alla Casa Bianca. Alla fine del colloquio ringrazia Nixon per il sostegno a Israele e gli chiede di battersi per i diritti della popolazione russa ebrea in Unione Sovietica. Quando la Meier se ne va, i nastri riportano questo dialogo tra Kissinger e Nixon:
Kissinger: “The emigration of Jews from the Soviet Union is not an objective of American foreign policy. And if they put Jews into gas chambers in the Soviet Union, it is not an American concern. Maybe a humanitarian concern.”
Nixon: “I know. We can’t blow up the world because of it”
(poi per fortuna arrivarono Reagan e Cheney, Perle e il senatore Scoop Jackson)

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web