Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

«Mistaken»

L‘editoriale del New York Times, il primo, sulla tragedia di Tucson è decisamente più sensato della robaccia pubblicata in Italia. Il Times scrive senza giri di parole che "It is facile and mistaken to attribute this particular madman’s act directly to Republicans or Tea Party members", cioè che "è superficiale e sbagliato attribuire questo specifico atto di un matto direttamente ai repubblicani o ai membri dei Tea Party". Capito? E’ superficiale e sbagliato.
Notate, poi, che il New York Times ha atteso due giorni prima di dare un giudizio, prima di abbozzare un commento sensato. Sui giornali all’amatriciana sono bastati 5 minuti, ma del resto sappiamo bene che sono molto ferrati sulla cronaca dall’Arizona
Il Times, poi, dice che certi estremismi dei Tea Party, in generale, possono alimentare il sentimento di odio eccetera e ovviamente non ha torto. Poi se la prende con le leggi che consentono l’acquisto delle armi, ma nel caso specifico, sull’atto di cui stiamo parlando, sulla cosa che i giornali italiani 5 minuti dopo la tragedia e senza ancora conoscere l’identità dello stragista avevano già trovato il colpevole, il giornale guida del mondo liberal occidentale scrive che si tratta di un atto di un pazzo che sarebbe superficiale e sbagliato attribuire ai Tea Party e al Partito repubblicano.
Io aggiungerei "al momento", visto che ancora non sappiamo niente, ma nel frattempo voi tornate pure a leggere Zucconi e Annunziata.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web