Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Le idee hanno conseguenze

Ieri è morto Daniel Bell, uno dei più importanti intellettuali americani del secolo scorso. Che io sappia se ne è accorto soltanto Il Sole 24 Ore, con due articoli: la rubrica Polaris del domenicale (leggetela su carta o iPad) e un ricordo di Riccardo Sorrentino. Assieme a Irving Kristol e Nathan Glazer, amici dai tempi della trotzkista Alcove 2 alla City University di New York, Bell aveva fondato la rivista neoconservatrice The Public Interest. Curiosamente oggi la copertina della Book review del New York Times è dedicata alla raccolta di saggi postumi di Kristol, The neoconservative persuasion. La recensione è di Paul Berman, l’intellettuale di sinistra che più ha studiato l’impatto delle idee e degli intellettuali sui fatti del mondo. Sullo stesso numero del Times, questa volta sul magazine, c’è anche un mega ritratto di Martin Peretz, altro campione del liberalismo di sinistra, direttore di New Republic (la rivista che ospita le lenzuolate di Berman, compresa quella che parla del titolare), le cui idee si sono spesso intersecate con quelle di Bell e Kristol. Qui trovate molto su Peretz, ma un altro mega profile gli è stato dedicato qualche settimana fa dal New York Mag. Tutto torna.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web