Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Renzi for everything

Ieri sera sono stato da Matteo Renzi. E’ l’unico leader italiano che voterei a occhi chiusi. Post partisan, anticomunista e antifascista, antipost-comunista e antipost-fascista, come le persone serie. E’ brillante, dice cose sensate, parla in italiano e non è un poeta. Renzi non è Berlusconi e non è Veltroni. O forse è sia Berlusconi sia Veltroni, senza le loro inadeguatezze. Soprattutto non è D’Alema, non rincorre Fini ed è distante da Vendola. Renzi non vuole mettere le persone in galera e non è un conservatore. E’ una persona normale. Il simbolo di quello che dovrebbe essere il PD – un partito liberale di sinistra, riformista, moderno, europeo – un partito che non è mai stato tale. Ora naturalmente dice che non si candida, anche perché non ci sono elezioni né primarie né nazionali a cui candidarsi. Ma se solo si aprirà la partita delle primarie, state certi che correrà. Due problemi: non ha nessuno dietro e non parla esattamente come un articolo di Repubblica, meno che mai del Fatto. Parla però per poter vincere le elezioni nazionali. Vai, Matteo.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web