Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Eccolo, mancava solo Noam Chomsky

L’assassinio di Bin Laden, dice Noam Chomsky, «viola numerose ed elementari norme del diritto internazionale». Bin Laden, poi, è un «sospettato» perché non ha subito un giusto processo (chiamate Ghedini) e chissenefrega se è reo confesso (quella non è confessione, dice il professorone antiamericano). Chomsky è fatto così. Chi invece non è un semplice «sospettato», secondo il fascistone rosso, è George W. Bush, colpevole secondo Chomsky – in modo «incontrovertibile» – di «crimini enormemente maggiori» di quelli di cui è sospettato Bin Laden, un povero e indifeso e ingiustamente perseguitato dall’America cattiva.
Domandone finale: chi pubblicherà in Italia, con annesso frisson, questa spazzatura?
Il Manifesto o Internazionale?

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web