Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Erano anni

Stavo per scrivere una cosa sulle elezioni di Milano, ma Luca Sofri mi ha anticipato con il post su «Lo spirito della Statale». Aggiungo poco altro, perché il suo commento è esaustivo e perfetto.

Al di là dell’impatto che avrà su Berlusconi, la vittoria di Pisapia a Milano non è il successo di una visione alternativa, di una nuova classe dirigente, di un’idea diversa di società moderna e rivolta al futuro (o anche solo al presente).
La sconfitta è certamente di Berlusconi, ma il dato interessante e specifico di Milano è un altro: la rivincita dello "spirito della Statale" (parole di Gad Lerner), del Movimento studentesco, dei rottamatori di 40 anni fa oggi diventati borghesia perbene (e nel frattempo sessantenni o anche di più).

Il palco di Pisapia ha mostrato come lo stanco, e ormai desueto, spirito degli anni Settanta si sia preso la rivincita sugli anni Ottanta (il bravo Massimo Gramellini oggi sulla Stampa ha preso un abbaglio colossale). Stormy Six e Radio Popolare. Lella Costa e Roberto Vecchioni. Dario Fo e Vittorio Gregotti. Umberto Eco e Gae Aulenti. L’Elfo e il Berchet. Studenti e signore della buona società. Genitori nostalgici dei loro vent’anni e figli allevati con il mito del Sessantotto.

Per errori, colpe e responsabilità degli avversari, a Milano hanno vinto i ventenni degli anni Settanta. Non quelli di oggi. E nemmeno quelli di vent’anni fa. Naturalmente i ventenni degli anni Settanta non sono più i rivoluzionari di allora. Sono moderati, non più maoisti. Sono rispettabili, non sono più convinti che il Pci abbia tradito la rivoluzione. Sanno di aver sbagliato tutto, allora. Sanno di aver perso. Sanno anche che è stato un bene che abbiano perso. Sono solo nostalgici dei bei tempi andati, quando erano giovani, liberi e pronti a fare la rivoluzione. Il ritratto della rivincita di una generazione nel dialogo di un film di Gabriele Salvatores:
«Erano anni che non mi divertivo così».
«Cos’erano?».
«Erano aaanni».

Non è detto che la rivincita dello spirito della Statale sia un male rispetto alla Moratti. Vedremo. Ma tornare allo spirito degli Anni Settanta non è un passo avanti per Milano. Semmai è un passo indietro addirittura rispetto alla Milano da bere degli anni Ottanta. Un passo indietro non solo cronologico.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web