Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Quando Moratti voleva assumere Moggi

Era il 2005, non un secolo fa. Anzi era proprio l’anno dello scudetto indossato irresponsabilmente dall’Inter.
Ecco l’articolo di Repubblica di allora, scritto da un antimoggiano doc come Maurizio Crosetti:

«Moratti vuole Moggi.
Molto più incerto il futuro di Luciano Moggi, che Giraudo portò alla Juventus a dispetto dei santi, nel momento più difficile e chiacchierato di tutta la carriera di Lucianone. è sempre sulla breccia, ha 68 anni ma non è stanco di pallone, però è chiaro che anche il suo ciclo torinese è arrivato quasi alla fine. Gli Agnelli gli chiederanno di restare ancora un po’ (ha un contratto di dipendente a tempo indeterminato, mentre quello del vice presidente Bettega scadrà nel 2007), e di continuare a costruire la squadra. Ma esistono grandi offerte da parte di Milan e Inter, e Moratti avrebbe voluto con sé anche Giraudo, proprio come Berlusconi. L’ unica cosa certa è che Moggi non lascerà il calcio, dunque non seguirà il suo attuale amministratore delegato e meno che mai entrerà in politica: lui sì che potrebbe eventualmente diventare berlusconiano, però in senso milanista, sebbene la corte di Massimo Moratti sia assai più insistente e duri ormai da molti anni. Il presidente dell’ Inter ha capito che se prima o poi vuol vedere uno scudetto, non può fare a meno di Luciano Moggi».

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web