Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Non ci sono solo i Tea Party

Krugman, Sanders, Strickland e gli editoriali del New York Times (e molti altri) sono il contraltare liberal dei Tea Party. Così come gli antistatalisti irresponsabili rischiano di trascinare alla sconfitta il Partito repubblicano, anche l’ala progressista intellettuale e politica del mondo progressista scuote la presidenza Obama e l’establishment del partito democratico. Una volta sulla sicurezza nazionale, un’altra sui diritti gay, sulla sanità e sugli aiuti a Wall Street, ora sul debito. Il problema, per entrambi i partiti, è serio e di difficile soluzione: Tea Party e ala liberal alienano moderati e indipendenti, ma sono il cuore pulsante, l’anima e la passione dietro ogni loro possibile successo elettorale.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web