Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Scendere in campo forse non conviene

Questo articolo di Vanity Fair su Lord Conrad Black (29 mesi di galera, ora ai domiciliari, domani chissà) mi ha fatto venire in mente che i grandi editori globali, quelli con aspirazioni politiche dirette o indirette, prima o poi, a torto o a ragione, finiscono male, molto male (l’eccezione, per ora, è Mike Bloomberg). Conrad Black, gran cerimoniere transnazionale del mondo conservatore, è finito in galera ed è stato spogliato del suo impero. Rupert Murdoch è sotto scacco in Gran Bretagna, ma è ancora ben saldo nel resto del mondo. Di Silvio Berlusconi sappiamo. Sappiamo meno di Robert Maxwell, già deputato laburista inglese, considerato vicino agli israeliani, fondatore di The European, salvatore del Daily News, morto in un ancora misterioso incidente sulla sua barca al largo delle Canarie. Il russo Boris Berezovsky, businessman con forti aspirazioni politiche, è stato costretto all’esilio in Gran Bretagna ed è stato condannato in contumacia a Mosca. Il turco Aydin Dogan e i suoi giornali subiscono condanne, minacce e controlli dal governo di Erdogan. Forse era meglio continuare a pubblicare libri. Forse.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web