Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Il candidato dell’ala pro America della politica americana

Il discorso di Mitt Romney sul Nuovo Secolo Americano è molto bello, anche se ingiusto nei confronti di Barack Obama, perché accusa il presidente di essere ancora l’Obama della campagna elettorale 2007/08 e non quello che dalla Casa Bianca, dopo qualche affanno iniziale, si è schierato con i democratici iraniani, con le primavere arabe e ha cambiato il regime a Tripoli. Su Obama, però, Romney fa una critica interessante: dice che non si può continuare ad avere un presidente che non ha una strategia chiara e lineare, che vorrebbe fareuna cosa e poi fa l’opposto, che subisce gli eventi e prende le decisioni (spesso giuste) ma in ritardo e in affanno. Ci vuole, secondo Romney, un presidente con una visione moralmente chiara del mondo, semplice da capire sia per gli amici sia per i nemici e magari capace di anticipare le crisi prima.
Romney si candida al ruolo di candidato dell’ala America Fuck Yeah della politica americana e nella retorica si nota l’apporto dei nuovi consiglieri di politica estera, intellettuali neoconservatori e veterani dell’era Bush.
Obama difficilmente si lascerà mettere in un angolo su questo punto dell’americanismo Fuck Yeah, cercherà certamente di rioccupare lo spazio appartenente al candidato più filoamericano.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web