Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Crisi, ma perché ci occupiamo d’altro?

C’è ancora qualcosa che non mi torna. Le dichiarazioni di Mario Draghi, ieri, a proposito di un intervento più deciso della BCE nella crisi (non ancora da lender of last resort, ma in quella direzione) era l’apertura dei giornali online americani e zero in Italia. Questa mattina i giornali italiani hanno concesso mezza pagina alle dichiarazioni di Draghi, ma senza caricarne eccessivamente il peso (eccezioni: il Sole che ha raccontato la cosa molto avanti nella foliazione e l’editoriale di Eugenio Scalfari). Il New York Times, invece, fa il primo editoriale del giornale su questo, spiegando ancora una volta che il punto centrale è la Banca Centrale Europea che non fa il suo mestiere di banca centrale come la Fed. Paul Krugman, poi, insiste che il problema non è l’eccessiva spesa pubblica e che anzi l’austerità di cui continuano a parlare i leader europei porterà alla fine della moneta unica. Il Wall Street Journal dedica un grande articolo e un editoriale. Noi invece ci occupiamo di altro, di austerità, di beghe interne, di sottosegretari, di Bruno Vespa. Mah.
(Qui, nei giorni scorsi, avevo avanzato un’ipotesi)

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web