Camillo - Il blog di Christian Rocca

archivio

Gommalacca/83

Patti Smith si è messa a piangere quando le ha ascoltate cantare un’incredibile versione della sua Dancing Barefoot in un teatro di Stoccolma, e lo farete anche voi dopo aver cercato il titolo del brano assieme al nome del duo: First Kit Aid. Johanna e Klara Söderberg sono due sorelle svedesi, nate nel 1990 e nel 1993, note per aver messo nel 2008 su YouTube una cover ancora più bucolica dell’originale di Tiger Mountain Peasant Song dei Fleet Foxes, gli alfieri del neo folk progressive americano.

I Fleet Foxes le hanno subito arruolate per aprire i loro concerti. Jack White dei White Stripes, dopo averle sentite nella piccola saletta della Rockwood Music Hall nel Lower East Side di New York, ha prodotto il primo singolo. Coner Oberst, cioè Bright Eyes, ha confezionato il loro nuovo album di composizioni originali uscito nei negozi questa settimana. Il disco dei First Kit Aid si intitola The Lion’s roar. Oberst canta anche nell’ultimo degli otti brani, uno dei migliori della raccolta. I Felice Brothers, altra band di culto della nuova era folk-rock, hanno dato una mano (e si sente in particolare in King of the world). La solitamente scettica Roseanne Cash, su Twitter, ha benedetto le due sorelline che, tra le altre cose, hanno reso un omaggio a suo padre Johnny Cash, alla di lui moglie June, a Gram Parsons dei Byrds e a Emmylou Harris in un romantico inno alle coppie musicali americane intitolato Emmylou. Le due svedesi conoscono la storia, ha scritto Roseanne segnalando il video della canzone, girato in California davanti al Joshua Tree, il mitico albero degli U2, ma soprattutto il luogo dove Gram Parsons, uno dei musicisti più influenti dell’era folk rock, andava a cercare gli Ufo e dove, nel 1973, ventiseienne, andò a morire per un’overdose di morfina e alcool. I First Kit Aid, cassetta di pronto soccorso, somigliano inevitabilmente ai Fleet Foxes, più che alla Joanna Newsom cui sono spesso paragonati. Le due sorelle di Enskede, sobborgo a sud di Stoccolma, vestono abiti a fiori, a metà tra un revival hippie e i costumi tradizionali da Solstizio d’estate svedese. Johanna e Klara sono piccoli geni delle armonie vocali. Ascoltate, in particolare, la delicatezza ipnotica di quel la-la-la-la-la-laaa in cui si scioglie la nilianghiana In the Hearts of Men. La Svezia non sarà nella Zona Euro, ma Stoccolma è ufficialmente in provincia di Nashville, Tennessee.

Christian Rocca

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web