Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Il regime siriano di Assad, le email rubate, Repubblica e anche Gad Lerner

Il gruppo Anonymous ha hackerato 78 email account del regime dittatoriale siriano. Meno noto è che alcune di queste email parlano italiano. Secondo Lee Smith del Weekly Standard, c’erano strettissimi rapporti tra Alix Van Buren di Repubblica e Bouthaina Shaaban, capo della comunicazione di Bashar al Assad. In effetti, come ho notato più volte sul blog, Repubblica ha sempre avuto un canale privilegiato con il regime dittatoriale siriano. Buon giornalismo, si direbbe. Ma, stando al racconto di Smith, le due donne erano proprio amiche (“you and I, what a team!”). Non sono riuscito a trovare i testi delle email, quindi mi affido soltanto a ciò che scrive Smith. Il giornalista americano scrive, avendo letto le email rubate al regime, di non conoscere gli standard etici giornalistici in vigore a Roma (buon per lui), ma crede che a Repubblica potrebbero essere ben sorpresi dal sapere che Van Buren considerava le sue interviste-soffietto ad Assad un’iniziativa comune (comune sua e del regime) per far conoscere alle masse occidentali il pensiero del dittatore a mezzo Repubblica. Di nuovo, non è escluso che Van Buren esagerasse e si ingraziasse, regali compresi, la potente interlocutrice in modo da coltivare una fonte privilegiata, ma i soffietti al dittatore pubblicati su Repubblica sono rimasti.
A un certo punto, scrive Smith, la giornalista di Repubblica implora l’amica Shaaban di adoperarsi per concedere un accesso privilegiato al collega Gad Lerner intenzionato a viaggiare verso Damasco (dall’articolo di Smith non è dato sapere quando). I siriani, però, non ne vogliono sapere perché Lerner è ebreo e perché in passato ha firmato appelli assieme a Bernard Henri Levy. La collaboratrice di Repubblica, spiega Smith, insiste furiosamente con l’amica del regime per aiutare Lerner, spiegando che il giornalista italiano è indipendente e, tra l’altro, anche firmatario di appelli contro Netanyahu. Niente da fare. Nemmeno gli amici di Repubblica possono farci niente: Lerner è ebreo e il regime di Assad con gli ebrei non vuole averci niente a che fare.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web