Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Il gran ritorno di Bubba

Mentre i giornali italiani raccontano soltanto quello che vedono il giorno prima sul New York Times, ma solo se stampato bello grande, ne stanno succedendo di ogni tipo tra Barack Obama e Bill Clinton. I giornali italiani hanno raccontato soltanto del mega fund raising all’Apollo Theater di New York, come se i due fossero grandi amici che marciano d’amore e d’accordo. Non si sono accorti, invece, che in pochi giorni Clinton ha smentito Obama pubblicamente due volte e su argomenti decisivi di campagna elettorale. È iniziato tutto in tv, alla CNN. Clinton non condivide l’approccio super negativo della propaganda obamiana (altra cosa non raccontata, perché intacca l’immaginetta votiva del presidente) che sta cercando di dipingere Mitt Romney come un politico poco qualificato e con un passato da corvo della finanza. Alla CNN, Clinton ha detto invece che Romney è super qualificato per fare il presidente, sia per aver amministrato il Masschusetts sia per aver fatto un lavoro “notevole” come businessman, compresi gli ottimi anni alla Bain.

Insomma, in tv c’è sfata la sconfessione totale da parte di Clinton questi primi mesi di campagna obamiana. Ieri, invece, Clinton ha detto che i tagli fiscali di Bush sono da rinnovare, sapendo bene che la posizione di Obama è opposta avendo pure minacciato di esercitare il veto presidenziale in caso di estensione decisa dal Congresso.

In entrambi i casi, dal quartiere generale di Obama sono partite telefonate di fuoco al cellulare di Bill Clinton, costretto poi a precisare ma mica tanto Grazie a questi scarti dall’ortodossia obamiana, il sostegno di Clinton a Obama risulta ancora più credibile ai fini della rielezione. Di tutto questo, comunque, c’è zero sui giornali Italia, anzi si trova l’opposto.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web