Camillo - Il blog di Christian Rocca

archivio

Gommalacca/104

Meraviglie di Spotify, quell’abbonamento a tutta o quasi la musica del mondo che purtroppo in Italia non è ancora attivo (e non si capisce perché la gente si appassioni così tanto per esempio agli esodati e invece non scenda in piazza per ottenere questo elementare diritto garantito in ogni paese civile). C’è una versione gratuita di Spotify, con la scocciatura di due minuti di pubblicità a interrompere ogni ora l’emozione. Ci sono le versioni a pagamento. Cinque o dieci dollari di bolletta mensile, come quella della luce o del gas o della pay-tv, per accedere sempre e ovunque a tutta o quasi la musica che c’è. Spotify è anche un social network e qualche mese fa un amico, anziché segnalarmi un disco che poi regolarmente dimentico di appuntarmi, mi ha inviato un messaggio Spotify con il link diretto all’album. Dennis Coffey di Dennis Coffey.

Non avevo idea di chi fosse questo Dennis Coffey. Non l’avevo mai sentito nominare, ho scaricato l’album (che è del 2011) senza ascoltarlo. Il disco è rimasto custodito nella playlist. L’altro giorno, in automobile, dall’app di Spotify dell’iPhone è partito un pezzo pazzesco, un funk-rock energetico e chitarroso da lasciare senza fiato. Un disco di formidabili pezzi strumentali di soul psichedelico e di remake originali di canzoni anni 60 e 70. Mi sono dovuto fermare. Era Dennis Coffey di Dennis Coffey.

Ho scoperto che Dennis Coffey è una leggenda. Era uno dei Funk Brothers, la house band della Motown records, l’etichetta di Detroit che ha cambiato la musica americana. Il giovanotto oggi ha 72 anni e l’aspetto di un pensionato da giardinetti, non quello di uno che fa miagolare la chitarra con il wah wah e distorce il suono con il pedale fuzz.

Eppure negli anni 90, Coffey è stato campionato dai grandi dell’hip hop e anche questo suo disco è stato reinterpretato dai maggiori talenti della scena di Detroit in Outer Galaxies: Dennis Coffey Re-Worked (scaricabile da denniscoffeysite.com). Dennis Coffey è il primo disco di Dennis Coffey in 22 anni (il suo più famoso è del 1971 e si intitola Scorpio). Senza Spotify non l’avrei mai ascoltato. Libero Spotify in libero Stato.

Christian Rocca

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web