Camillo - Il blog di Christian Rocca

archivio

Gommalacca/116

Se sei figlio di James Taylor e di Carly Simon dovresti fare l’idraulico, il commercialista, l’operatore sanitario, il pizzaiolo, anche il giornalista, certo non il cantautore. Ben Taylor, secondogenito di due giganti della canzone americana degli anni 70, invece si è dato alla musica. Non a una musica a caso, ma proprio a quella country pop dei suoi genitori.

Anche la sorella è entrata nel business di famiglia, ma è stato sufficiente ascoltare l’album di Ben, Listening, per evitare indigestioni ulteriori e augurare al giovane Taylor di seguire l’altra sua grande passione, quella delle arti marziali: secondo Wikipedia è un fulmine di guerra in qigong, t’ai chi ch’uan, wing chun, kung fu, jiu-jitsu.

Ok, il disco è ben confezionato, qua e là suona come una raccolta di versioni sdolcinate delle canzoni di suo padre, ma è inadeguato al suo dna.

Le canzoni di Taylor senior sono ancora leggendarie – Carolina in My Mind, You’ve Got a Friend, How Sweet It Is (To Be Loved by You), Mexico, Shower the People – e per niente scalfite dal fatto che sia diventato l’Apicella di Obama, ma con la calvizie coperta da un cappellaccio da cowboy. La madre di Ben, poi. Carly Simon. Autrice di una delle canzoni più mitologiche e belle del country rock. You’re so vain, manifesto ideologico sulla vanità del maschio talmente preso da sé che pensa parli proprio di lui anche questa canzone sulla vanità del maschio scritta da chi, ingenua, c’è cascata («You’re so vain, you probably think this song is about you / You’re so vain, I’ll bet you think this song is about you / Don’t you? Don’t You?»). Sull’uomo in sciarpa albicocca che entrava alle feste con la stessa sicumera di chi sapeva di essere desiderato da ogni donna, e in particolare dalla «moglie di un caro amico», Carly Simon ha costruito una carriera fatta di mezze rivelazioni, indizi, indiscrezioni. Si è sempre pensato che l’uomo vanitoso fosse Mick Jagger, il quale canta nella versione originale, anche perché Angela Bowie, la famosa Angie, una volta ha confessato di essere lei la moglie del caro amico che va a letto con l’uomo vanitoso. Ma Carly ha detto che a quei tempi Mick non era il solo a portare una apricot scarf. Si è pensato che potesse essere Bowie. Warren Beatty si è autodenunciato. Ben Taylor è un’altra storia.

Christian Rocca

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web