Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Una risata vi seppellirà

Il dibattito tra i candidati vicepresidenti Joe Biden e Paul Ryan non è stato come il primo tra Obama e Romney e questa è stata una vittoria per entrambi perché se è vero che nessuno ha vinto in modo clamoroso, nessuno ovviamente è stato messo KO. Biden è stato molto aggressivo ed efficace, Ryan poco reattivo e molto attento a non fare l’errore della vita. Entrambi sono riusciti nell’intento.
Biden più presidenziale, Ryan più secchione. Biden è partito male, ha dominato nella parte centrale, si è afflosciato nel finale. Ryan era troppo attento a restare sul dettaglio, anche quando non ci entrava, piuttosto che a spiegare la sua visione di America. Biden aveva bisogno di rispondere, anche malamente, al suo avversario, per evitare l’errore di Obama della settimana scorsa. C’è riuscito. Ha trattato Ryan da ragazzino, ma forse ha riso troppo, si è agitato eccessivamente, ha interrotto spesso (e ha fatto una clamorosa gaffe, ripetuta due volte, che se l’avesse fatta Bush ne avrebbero parlato per anni: ha detto che uno dei motivi per cui Obama non interviene in Siria, al contrario della Libia, è perché la Siria è cinque volte più grande della Libia, quando probabilmente è vero il contrario).
Con Biden così bellicoso è sembrato un talk show, più che un dibattito, malgrado la bravissima e preparata Martha Raddatz sia stata molto capace di moderare.
Entrambi i candidati hanno detto che taglieranno le tasse al ceto medio, ma entrambi hanno detto che in realtà gli avversari le aumenteranno.
Io direi che ha vinto Biden, perché è riuscito a cambiare la dinamica negativa dello scorso dibattito, anche se almeno in tre occasioni, specie nel finale, Ryan è stato chiaro e molto efficace. Biden è sicuramente piaciuto molto alla base democratica, moltissimo. Ma gli indipendenti non avranno trovato eccessiva la sua arroganza comportamentale della prima ora e un quarto?
In generale Ryan è stato più bravo a smontare le politiche di Obama che a promuovere le sue. Così come Biden è riuscito a smontare bene le proposte repubblicane, ma meno a sostenere quelle economiche adottate in questi quattro anni (meglio invece sulla politica estera).
Credo però che di questo dibattito verrà ricordata soltanto la risata di Biden, la sua frenesia di interrompere Ryan, i suoi modi alternativi di dire la parola "stronzate" ("malarkey", "bunch of stuff"). E questo è molto importante perché i dibattiti hanno un effetto sull’opinione pubblica per come vengono interpretati e ritrasmessi dalle tv via cavo e dai comici televisivi della sera. Credo che il ghigno, l’insofferenza studiata e la risata forzata di Biden saranno molto rivisti in tv ed entreranno negli sketch dei late show. Bisogna però vedere chi sarà davvero seppellito da questa risata.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web