Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Che cosa c’è nel nuovo #IL49

20130306-014943.jpg

Abbiamo cambiato un poco la rivista, perché ci diverte così. Cambiare, cambiare, cambiare. Cover di Maria Corte, illustratrice catalana che disegna per noi, per il New York Times e per il Wall Street Journal. Nell’illusione di sentirci il New Yorker, ma senza rinunciare alla nostra consueta razionalità svizzera, abbiamo chiamato la ragazza della cover Mrs. Eustace Tilley.

ci sono Un bel po’ di firme nuove: Giuliano da Empoli, Violetta Bellocchio, il direttore di Civiltà Cattolica padre Antonio Spadaro, il direttore del New Museum di New York e della prossima Biennale di Venezia Massimiliano Gioni, assieme a tutta la nostra squadra allargata di autori e giornalisti e fotografi e illustratori.

C’è una nuova sezione, Tabloid. Con notizie Esclusive, clamorose, quasi vere e articoli di Marta Allevato, Giampiero Mughini, Filippo Sensi, Francesco Bonami e altri. Un giornale non giornale che richiama la struttura, la titolazione e la grafica dei grandi tabloid inglesi, ma anche di quelli che furono italiani, eppure elegante, un pizzico fighetta (c’e anche il Pigneto) e con i nostri contenuti. Ci siamo molto divertiti a farla.

Anzi le sezioni nuove sono due. C’è anche Visioni, dedicata alla moda e allo stile.

La cover è La vita indiretta, l’amore, il sesso, la fede e la guerra al tempo degli algoritmi. Con articoli di Alessandro Piperno, Violetta Bellocchio, Michele Dalai, Antonio Spadaro, Daniele Raineri e Francesco Pacifico. Do not miss it.

Poi il 1993. il 1993 è l’anno che ha cambiato tutto. In bene nel mondo, un po’ meno da noi. Con articoli di Mattia Feltri e Massimiliano Gioni e di me medesimo. Ora basta elenchi e sommari. In edicola venerdì 8 con Il Sole 24 ORE.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web