Camillo - Il blog di Christian Rocca

Cose che non resteranno

Le cose interessanti sui giornali

Oggi sono usciti due articoli importanti, importanti ben oltre ciò che raccontano. Il primo è uscito sul magazine del New York Times a firma di Jacob Bernstein su sua madre, Nora Ephron. Un articolo straordinario, disteso, unico. L’articolo è sterminato e solo un magazine, un magazine di grande livello, avrebbe potuto ospitarlo. Niente più di questo articolo spiega perché i magazine sono un mezzo di comunicazione impareggiabile e fondamentale, perfettamente in grado di sopravvivere alla crisi dell’industria editoriale e alla digitalizzazione dell’informazione.

Il secondo articolo è di Maureen Dowd sull’inserto settimanale della domenica del New York Times. La Dowd parla dei suoi esordi dentro i giornali, nei giornali di una volta, ma non è una column soltanto malinconica e da reduce dei bei tempi che furono per la carta stampata. Il punto è ciò che Dowd scrive in questo doppio e definitivo capoverso:

“Digital platforms are worthless without content. They’re shiny sacks with bells and whistles, but without content, they’re empty sacks.

It is not about pixels versus print. It is not about how you’re reading. It is about what you’re reading”.

ricerca

archivi

testata
periodo
feed rss
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web