Camillo - Il blog di Christian Rocca

cose che non resteranno

Come non scrivere una recensione

Il nuovo libro di Claudio Giunta è formidabile. “Come non scrivere – Consigli ed esempi da seguire, trappole e scemenze da evitare quando si scrive in italiano” andrebbe adottato nell’Amministrazione pubblica, nelle redazioni dei giornali, negli uffici stampa, nelle agenzie di comunicazione. Soprattutto andrebbe imposto per legge a chiunque aggiorni uno status di Facebook o mandi un messaggio di posta elettronica. Continua...

Com’è il nuovo concerto di Jovanotti

Rispetto ai favolosi tour di Jovanotti, Lorenzo Live 2018 è il concerto più concerto che abbia mai fatto. Meno spettacolo, più musica. Meno circo, più raduno rock. Ecco, Lorenzo Live 2018 è un vero concerto rock. Epico e adulto. Poi siccome Lorenzo è Lorenzo non si è limitato a ideare un semplice concerto rock, ma si esibito anche in un formidabile intermezzo da dj e ha regalato al pubblico trovate e diavolerie audiovisive di ogni tipo (la più riuscita mi è sembrata la lettura di un brano di Don Chisciotte, anche se la voce in spagnolo di Miguel Bosè al Forum di Assago suonava identica a quella di Berlusconi). Continua...

Vita, opere e girotondi di Massimo D’Alema

“Déjà vu” è il nuovo libro di Francesco Cundari, giornalista serio, colto e raffinato. L’editore è Il Saggiatore, la copertina tipografica è bellissima, ottocentesca, malgrado uno strambo baffo Nike che, invece della tradizionale falce, incrocia il martello comunista e forma un nuovo logo che probabilmente vuole suggerire al lettore un messaggio di qualche tipo, magari anti neoliberista, ma che io non ho capito. Continua...

Ascoltare musica like a teen spirit

Il New York Times ha pubblicato una ricerca dell’economista Seth Stephens-Davidowitz secondo cui il periodo in cui i maschi formano i propri gusti musicali è quello tra i 13 e i 16 anni di età, mentre per le ragazze il momento arriva prima: tra gli 11 e i 14. Il momento decisivo, per entrambi, è l’anno in cui se ne compiono 13. Continua...

Toh, nella Lega ci sono i fascisti

Toh, nella Lega ci sono i fascisti. Che grande scoperta! Ma, scusate, l’avete mai ascoltata Radio Padania? Avete mai letto la Padania diretta da Gianluigi Paragone, oggi coerentemente candidato con il movimento dei babbeiacinquestelle, cioè l’altro grande collettore italiano di razzisti e associati? Continua...

Hillary, gli elettori di Trump e le elezioni italiane

I sondaggi elettorali possono essere letti così: quando i partiti progressisti propongono di attenuare le ingiustizie economiche, di valorizzare le diverse culture e di garantire nuovi diritti, provocano su una fascia consistente della popolazione un effetto opposto a quello desiderato. Nell’epoca del rancore e del risentimento, L’età della rabbia di Pankaj Mishra è appena uscito per Mondadori, questo messaggio in teoria neutro, convenzionale e ricorrente, diciamo anche banale, viene interpretato come una parola d’ordine per aumentare le tasse, ridistribuire la ricchezza e aiutare gli immigrati a danno dei locali. Continua...

Dove sono finito?

Sì, non aggiorno il blog da aprile. Da quando è nato il sito di IL: 24ilmagazine.com.
Ciao

Pigasse ha salvato il “Monde”, salverà il mondo dei giornali?

Matthieu Pigasse, nato a Clichy 48 anni fa, ma cresciuto in Normandia, guida le operazioni francesi della banca d’affari Lazard, ama il punk rock, in particolare i Clash, e ha un gran passione per i giornali che gli è stata trasmessa dal padre giornalista. Nel 2009 ha comprato il magazine di cultura musicale Les Inrockuptibles [...] Continua...

Di che cosa parliamo quando parliamo di futuro dei giornali

Ci occupiamo di giornali perché giornali, libera stampa e circolazione delle idee sono elementi fondamentali di una società aperta, evoluta e civile. La crisi globale dell’industria dell’informazione non è soltanto la sofferenza di un settore industriale: è qualcosa di più profondo e per questo siamo andati a vedere come stanno provando a uscire dall’impasse, con [...] Continua...

La nuova copertina #IL80


IL80 Genitori Moderni sarà in edicola venerdì 22 aprile con il Sole 24 Ore. Altri dettagli, qui

Com’è il nuovo disco di Ben Harper

«Vorrei scrivere canzoni d’amore», ha detto Ben Harper alla rivista Atlantic. Ma ha anche aggiunto che non può ancora farlo; almeno fino a quando in America continuerà a esserci «la tassa sulla melanina», sull’avere la pelle di colore nero. Ben Harper è un cantautore di protesta, ma riluttante, ha sintetizzato il mensile americano nel presentare [...] Continua...

Dieci cose imperdibili da mangiare a New York

Il listone. Continua...

La copertina #IL79

Viva viva viva l’Inghilterra

In un fantastico romanzo di Julian Barnes, England, England (Einaudi, 2000), un industriale milionario e sognatore realizza sull’isola di Wight la sua bizzarra utopia, quella di raccogliere e ricostruire le maggiori attrazioni della Vecchia Inghilterra in pochi chilometri quadrati. Metà parco divertimenti e metà Stato autonomo, la nuova Inghilterra con sede a England, in England, [...] Continua...

Il più bel disco dell’anno (finora)

Sì, è un po’ presto, lo so. Ma, davvero, Ouroboros di Ray LaMontagne è un disco formidabile. Il più bello dell’anno, almeno finora. LaMontagne stesso è formidabile, ma stavolta si è superato. Voi direte, chi è Ray LaMontagne? Cominciamo dall’inizio. Ecco che cosa scrivevo sei anni fa, sulla rubrica Gommalacca nella Domenica del Sole 24 [...] Continua...

articoli

Affidare il disarmo alla Siria

Sembra una fake news, ma non lo è: il paese che usa armi chimiche contro la sua stessa popolazione, la Siria del dittatore Bashar al Assad, il 28 maggio presiederà a Ginevra la Conferenza delle Nazioni Unite sul disarmo. Non ridete, perché c’è da piangere. Continua...

È Milano il Partito della Nazione

L’artista inglese Jeremy Deller installa nel parco dei grattacieli di CityLife un gigantesco gonfiabile che ricostruisce in scala 1:1 il sito archeologico di Stonehenge; in piazza Beccaria c’è la prima casa di cemento stampata in 3D. L’editore glamorous Tyler Brûlé distribuisce un’edizione speciale di Monocle che per l’occasione chiama The Salone Weekly; la Juventus presenta in via Archimede il prototipo di Undici, il primo bar bianconero per il mercato globale; il Design Pride celebra l’industria della creatività e dell’innovazione con una gran festa intorno al dito medio di Cattelan in Piazza Affari. Continua...

Ottimisti e pessimisti

Eravamo ottimisti e ora siamo pessimisti. Due libri ci aiutano a riflettere sul momento globale che stiano vivendo, su che cosa sta succedendo nel mondo, su che cosa sarà di noi. La sintesi è proprio questa: eravamo ottimisti e ora siamo pessimisti, avevamo una fede pseudo religiosa nel progresso e invece ora il futuro ci fa paura, ci mette ansia, ci minaccia. Continua...

La grande tragedia siriana

La grande tragedia siriana è che non ci sono i buoni. La grande tragedia siriana è che si è proprio persa la distinzione tra buoni e cattivi. Tutti sono vittime, tutti sono carnefici. Continua...

Ecco perché andrò a Madrid

E certo che ci vado a Madrid. Ci vado lo stesso. Confesso di aver avuto qualche dubbio intorno al 70° minuto di Juve-Real, la settimana scorsa allo Stadium. Preso dallo sconforto per il terzo gol di Marcelo, e ancora abbacinato dalla chilena di Cristiano Ronaldo, ho pensato di disdire l’albergo in Plaza de Santa Ana e di farmi rimborsare il volo Alitalia, entrambi prenotati nel momento esatto del maledetto sorteggio di un mese fa, quasi per esorcizzare la sfida con i campioni d’Europa. Ma poi la ragione ha prevalso sul sentimento: claro que voy a Madrid. Continua...

Il più scarso calciatore che abbia mai visto giocare nella Juventus

Quando ho saputo che Alisson Becker sarebbe stato sulla copertina di Undici mi è venuto un colpo. E non perché abbia qualcosa contro di lui – è un portiere formidabile – ma più banalmente perché ogni volta che vedo Allison mi viene in mente un altro calciatore brasiliano: un ex della Juventus, Diego Ribas da Cunha detto Diego. Continua...

L’algoritmo dell’Occidente

In Divertirsi da morire, un saggio sulla televisione scritto nel 1985, quando Internet era ancora roba per scienziati, il critico americano Neil Postman diceva che dei due grandi romanzi distopici del Novecento, 1984 e Il Mondo Nuovo, il più realistico non era quello di George Orwell, come si credeva, ma quello scritto da Aldous Huxley. Per ricapitolare la tesi analogica di Postman sulla società occidentale, e aggiornarla al nostro tempo digitale, un recente articolo del Guardian ricordava che Orwell, con 1984, immaginava che la civiltà moderna sarebbe stata distrutta dalle nostre paure. Continua...

Adesso basta

«Enough is enough», adesso basta. Alle 10 di mattina di giovedì scorso, migliaia di studenti americani sono usciti dalle loro classi, in alcuni casi senza il permesso delle gerarchie scolastiche, per protestare contro le leggi permissive sulle armi e per commemorare le vittime dell’ultima strage al liceo di Parkland, in Florida. Continua...

Che farà Renzi, ora che ha perso

Dopo millecinquecentoquarantasette giorni da Segretario del Partito Democratico, e quasi mille da Presidente del Consiglio, il rottamatore si è autorottamato. Matteo Renzi si è dimesso da capo del PD e dalla settimana prossima, quando si insedierà il nuovo Parlamento italiano uscito dalle urne il 4 marzo, sarà semplicemente il senatore di Firenze, Scandicci, Impruneta, Signa e Lastra a Signa. Naturalmente non ci crede nessuno, ma in realtà nessuno conosce davvero il futuro politico di Matteo Renzi, forse nemmeno lui. Continua...

Pigasse ha salvato il “Monde”, salverà il mondo dei giornali?

Di che cosa parliamo quando parliamo di futuro dei giornali

Com’è il nuovo disco di Ben Harper

Dieci cose imperdibili da mangiare a New York

Viva viva viva l’Inghilterra

Il più bel disco dell’anno (finora)

La nuova stagione di House of Cards

Starbucks arriva in Italia (stavolta sul serio)

È ancora possibile fermare Trump?

Bush lascia, chi fermerà Trump?

Perché Scalia era importante

Libri

SULLE STRADE DI BARNEY

Un viaggio nel mondo di Mordecai Richler

in libreria oppure online

 
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web