Camillo - Il blog di Christian Rocca

cose che non resteranno

I tre dischi jazz della settimana

1 I long to see you di Charles Lloyd & The Marvels (Blue Note) Charles Lloyd è un grande vecchio del jazz. Suona il sassofono, e anche il flauto, ed è un immenso talent scout. Scoprì Keith Jarrett, Michel Petrucciani e Jack DeJohnette, per dire. Negli anni Sessanta riempiva gli stadi e condivideva i palchi con i Grateful [...] Continua...

La battaglia del New Hampshire

Manchester (New Hampshire). Hillary Clinton e Bernie Sanders, per i democratici. Ted Cruz, Donald Trump e Marco Rubio, per i repubblicani. Sono cinque i candidati alla presidenza degli Stati Uniti che martedì 9, alle primarie del New Hampshire, avranno l’occasione di consolidare il vantaggio sugli avversari conquistato nei caucus dell’Iowa. Gli altri sfidanti repubblicani, da [...] Continua...

L’Iowa licenzia Trump

DES MOINES. Ci sono due risultati da guardare, a proposito dei caucus di ieri notte. La classifica ufficiale, dopo che sono stati contati i voti nelle 99 contee dell’Iowa, decreta la vittoria di Ted Cruz tra i repubblicani e il pareggio tra i due candidati democratici Hillary Clinton e Bernie Sanders (il terzo, Martin O’Malley, [...] Continua...

Eccolo, IL sito

IL si è fatto un sito, ed è bellissimo. Guardatelo, è ancora in versione Preview, lo trovate qui. L'indirizzo è 24ilmagazine.com
Qui la presentazione. Poi rifaremo anche questo blog.

Una notte con Hillary, Bernie e Cruz

DES MOINES. Questa notte conosceremo il risultato dei caucus dell’Iowa, la prima tappa del giro d’America per selezionare i candidati che l’8 novembre si sfideranno per la successione a Barack Obama alla Casa Bianca. Gli ultimi sondaggi prevedono, tra i repubblicani, Donald Trump davanti al senatore del Texas Ted Cruz e, più staccato, il senatore [...] Continua...

Eccolo, IL sito

Eccolo, IL sito. Finalmente abbiamo un sito: 24ilmagazine.com È ancora in versione Preview, più di una bozza e un po’ meno della release finale. È bellissimo, almeno così ci pare. Lo abbiamo concepito, e poi disegnato, in redazione. E lo aggiorneremo quotidianamente con articoli, foto, illustrazioni. Insomma IL non è più solo un mensile (il prossimo numero [...] Continua...

Che cosa diavolo è il caucus dell’Iowa

DES MOINES. Questa sera, alle 7 di sera locali, alle due del mattino di domani in Italia, si apre in Iowa il grande circo elettorale americano. Come da tradizione, dal 1972, si comincia con i caucus in Iowa e si prosegue il 9 febbraio con le primarie in New Hampshire. Nelle settimane successive, e fino [...] Continua...

Ho conosciuto Francesca Balzani

Ieri sera ho conosciuto Francesca Balzani, in corsa alle primarie del PD per scegliere il candidato sindaco di Milano (si vota il 6 e il 7 febbraio, gli altri candidati sono Beppe Sala, Pierfrancesco Majorino e un altro di cui non ricordo il nome) Continua...

George W. Bush si è fatto un magazine

Si chiama The Catalyst, A Journal of Ideas, ci sono articoli molto interessanti. Qui il primo numero.

Altri dischi dell’anno

Ok, come tutti gli anni, a leggere le classifiche pubblicate dai giornali mi accorgo in ritardo di un bel po' di dischi che non avevo ascoltato o che mi erano sfuggiti. Ne segnalo tre formidabili:

Kamasi Washington, The Epic: uno che debutta con un ellepì triplo di jazz, ma che è anche un triplo ellepì soul e hip hop, va già ascoltato con attenzione. E poi se lo ascolti con attenzioni incontro il nuovo jazz. Kamasi Washington è anche uno degli arrangiatori dell'album di Kendrick Lamar, To Pimp a Butterfly, da gran parte delle classifiche dei grandi giornali internazionali il miglior disco dell'anno (a me, a parte King Kunta, non mi dice nulla).

Cassandra Wilson, Coming Forth By Day: non avevo ascoltato il disco perché l'enneismo tributo alla grandissima Billie Holiday mi aveva già annoiato ancora prima di finire di leggere la segnalazione. Invece è un disco formidabile, le canzoni di Billie Holiday passano attraverso il filtro rock dei Bad Seeds di Nick Cave, tornano jazz con la voce di Cassandra Wilson e diventano nuove, potenti, contemporanee. Gran disco.

Joey Alexander, My favorite things: standard del jazz, ma suonati da un pianista di 11 anni, nato nel 2003. Wow.

Li aggiungo nelle playlist.

ECCO LA PLAYLIST, su Apple music
Ecco la playlist di Jazz (senza Vijay Iyer, non presente su Music)

I migliori angeli di Roma

Nel nuovo disco dei Coldplay c’è una canzone, Birds, che finisce con un verso lezioso e affettato come solo quelli dei Coldplay; eppure è un verso potentissimo: «In this world so cruel, I think you’re so cool», «In questo mondo così crudele, penso che tu sia molto cool». Ecco, Roma è così: è l’emblema di [...] Continua...

De Gregori canta Dylan e De Gregori

Sono senza dubbio canzoni di Dylan, affrontate con devozione e umiltà. Ed è già una cosa sorprendente, visto che sia Bob Dylan sia Francesco De Gregori sono noti per destrutturare i loro brani per il continuo tormento, misto a orgoglio, dei rispettivi fan. Ma la cosa sbalorditiva è che i brani di Amore e Furto [...] Continua...

Come Brad Mehldau ha salvato il jazz

Brad Mehldau è il pianista più influente degli ultimi venti anni, ha scritto il New York Times. I puristi del jazz tendono a dissentire, ma in realtà hanno ragione entrambi, fan e critici. Mehldau è la cosa migliore capitata al jazz da parecchio tempo a questa parte proprio perché si è allontanato dalla polverosa sacralità [...] Continua...

Il formidabile 2015

Sono quattro anni che ci stropicciamo gli occhi, a non voler contare anche i centoquattordici precedenti. Ma questo 2015 difficilmente ce lo dimenticheremo. Ci siamo arrivati con lo scetticismo del cambio in corsa dell’allenatore in una complicata estate 2014 e con l’euforia dei primi e quasi inattesi risultati positivi di fine anno. Poi è arrivato, [...] Continua...

Che cosa c’è su #IL77


Va bene, Roma è in crisi, senza sindaco, senza guida, senza idee. Ma siamo sicuri che sia anche senza speranza? Siamo sicuri che sia tutto schifoso, che sia una citta irredimibile? Abbiamo provato a raccontare una Roma diversa, una Roma cool, anzi molto cool, senza retorica stantia da capitale corrotta, con articoli di Michele Masneri, Annalena Benini, Annalisa De Simone, Stefano Pistolini e Andrea Minuz, e con una super guida ai posti imperdibili di Roma, monumenti esclusi. Roma oltre Roma, dunque.

C'è molto altro: Giuliano da Empoli su Parigi, Paul Berman su Christopher Hitchens, Vincenzo Latronico inviato in un centro spaziale nella Guyana francese, un focus su Isis e altre bande criminali in Libia, un ritratto del leader spagnolo che ci piace, la cultura pop di Yolo e le polemiche culturali di Explicit. E tutto il resto.

In edicola venerdì 18 dicembre con Il Sole 24 Ore.

articoli

Com’è il nuovo disco di Ben Harper

Dieci cose imperdibili da mangiare a New York

Viva viva viva l’Inghilterra

Il più bel disco dell’anno (finora)

La nuova stagione di House of Cards

Starbucks arriva in Italia (stavolta sul serio)

È ancora possibile fermare Trump?

Bush lascia, chi fermerà Trump?

Perché Scalia era importante

Ehi, lo sapete che Hillary è davanti a Sanders?

Chi ha vinto e chi ha perso in New Hampshire

Le 8 cose da guardare in New Hampshire

I tre dischi jazz della settimana

La battaglia del New Hampshire

L’Iowa licenzia Trump

Una notte con Hillary, Bernie e Cruz

Eccolo, IL sito

Che cosa diavolo è il caucus dell’Iowa

I migliori angeli di Roma

De Gregori canta Dylan e De Gregori

Libri

SULLE STRADE DI BARNEY

Un viaggio nel mondo di Mordecai Richler

in libreria oppure online

 
 

Christian Rocca – © 2002-2011

Credits: Graphic Design & Web Development to Area Web